La finanza decentralizzata cambierà il mondo dell'economia digitale

Mead of poetry 008: la finanza sta entrando in una nuova era, dove andrà a finire la rivoluzione?

Gli scettici hanno abbondanza di foraggio. I primi ad adottare Bitcoin, la criptovaluta originale, lo usavano per acquistare droghe, mentre ora i cyber-hacker chiedono il loro riscatto con essa. Centinaia di milioni di dollari di ether, un altro denaro digitale, sono stati rubati quest'anno dopo che gli hacker hanno scoperto un bug in un codice. Molti "credenti" stanno in realtà cercando di arricchirsi rapidamente dalla mania globale che ha visto il valore delle criptovalute raggiungere i $2,2 trilioni. Altri sono stranamente devoti. L'imprenditore che ha annunciato a giugno che El Salvador stava adottando Bitcoin come valuta ufficiale ha singhiozzato sul palco, sostenendo che avrebbe salvato la nazione.

I truffatori, gli stolti e i proseliti sono scoraggianti. Tuttavia, l'ascesa di un ecosistema di servizi finanziari, noto come finanza decentralizzata, o "DeFi", merita una sobria considerazione. Ha il potenziale per reinventare il funzionamento del sistema finanziario, con tutte le promesse e i pericoli che ciò comporta. La proliferazione dell'innovazione in DeFi è simile alla frenesia dell'invenzione nella prima fase del web. In un momento in cui le persone vivono online sempre di più, la rivoluzione delle criptovalute potrebbe persino rifare l'architettura dell'economia digitale.

DeFi è una delle tre tendenze tecnologiche che stanno rivoluzionando la finanza. Le aziende tecnologiche delle "piattaforme" si stanno impegnando sui pagamenti e sulle banche. I governi stanno lanciando valute digitali o govcoin. DeFi offre un percorso alternativo che mira a diffondere il potere, non a concentrarlo. Per capire come, iniziamo con le blockchain.

COSA SONO LE BLOCKCHAIN?

Una storia condivisa immutabile

È comune, nei circoli tecnologici, ascoltare un discorso commerciale che è allo stesso tempo semplice e sconcertante. "Sarà come "x" [inserire il nome di qualsiasi attività di successo], ma su una blockchain." L'imprenditore desideroso è pronto a presumere che tutti abbiano familiarità con la tecnologia e siano d'accordo sui suoi meriti. Ma cos'è una blockchain? E quali sono i vantaggi nell'usarla?

Una blockchain è un database che contiene la cronologia di qualsiasi informazione sia stata progettata per memorizzare. È costituito da una serie di "blocchi" di informazioni che si accumulano l'uno sull'altro in una catena immutabile. Bitcoin, una delle prime blockchain, è stata costruita nel 2009. Memorizza i dati sulle transazioni in bitcoin, fornendo la prova di chi possiede cosa in qualsiasi momento. Ciò che distingue una blockchain da altri database è che il suo registro è distribuito, disponibile pubblicamente e replicato su migliaia di computer (o "nodi") in tutto il mondo. Piuttosto che un'entità centralizzata, come una banca o una piattaforma tecnologica, che garantisce che il registro sia accurato, è verificato da una rete decentralizzata di individui.

Sebbene la blockchain di Bitcoin sia pubblica, è anche affidabile e sicura. Ciò è garantito dalla combinazione di sottigliezza matematica e forza bruta computazionale incorporata nel suo "meccanismo di consenso", il processo mediante il quale i nodi verificano nuove transazioni e le aggiungono alla blockchain. I computer gareggiano per risolvere un problema crittografico - il primo a farlo vince monete appena minate - e viene aggiunto un nuovo blocco.

Le blockchain più recenti memorizzano più informazioni, come le righe di codice informatico. È possibile garantire che una funzione o un'applicazione che può essere programmata in codice funzioni come scritto. La blockchain di Ethereum offre la prova che il codice è stato eseguito. Gli sviluppatori possono scrivere codici condizionali, software che vengono eseguiti dopo un determinato trigger, che consentono di impostare "smart contracts" su eventi futuri.

A differenza delle reti private, le blockchain pubbliche e aperte sono trasparenti (chiunque può visualizzarle), senza autorizzazione (chiunque può usarle) e resistenti alla censura (nessuno può fermarle). Poiché richiedono consenso, possono essere lente e complesse da costruire. Creare applicazioni che conducano attività finanziarie e distribuiscano contenuti digitali su una blockchain può quindi essere più complicato che operare tramite intermediari fidati. Costruire "x" su una blockchain può essere sensato, ma è più facile a dirsi che a farsi.

Un modo migliore di fare finanza

Rispetto alle blockchain più recenti, Bitcoin è ora una distrazione. Invece, Ethereum, su cui sono costruite la maggior parte delle applicazioni DeFi, sta raggiungendo la massa critica. I suoi sviluppatori vedono la finanza come un obiettivo succoso. Le banche convenzionali richiedono un'enorme infrastruttura per mantenere la fiducia tra estranei, dalle camere di compensazione e conformità alle regole sul capitale e ai tribunali. È costoso e spesso catturato dagli “insiders”: pensa alle commissioni delle carte di credito e agli yacht dei banchieri. Al contrario, le transazioni su una blockchain sono affidabili, economiche, trasparenti e veloci - almeno in teoria.

Sebbene la terminologia possa intimidire (le commissioni sono "gas"; la valuta principale è l'ether e i titoli di proprietà sulle risorse digitali sono noti come NFTS), le attività di base che si svolgono su DeFi sono familiari. Questi includono la negoziazione in borsa, l'emissione di prestiti e l'assunzione di depositi tramite accordi auto-eseguiti chiamati smart contracts. Un metro di giudizio è il valore degli strumenti digitali utilizzati come garanzia: da quasi nulla all'inizio del 2018 si è arrivati ​​a 90 miliardi di dollari. Un altro è il valore delle transazioni che Ethereum sta verificando. Nel secondo trimestre del 2021 ha raggiunto 2,5 trilioni di dollari, circa la stessa somma dei processi Visa ed equivalente a un sesto dell'attività sul Nasdaq, una borsa valori.

Il sogno di un sistema finanziario a basso attrito è solo l'inizio. La DeFi si sta diffondendo su terreni più ambiziosi. MetaMask, un portafoglio DeFi con milioni di utenti, funge da identità digitale. Per entrare in un "metaverso" decentralizzato, un mondo specchio con negozi gestiti dai suoi utenti, colleghi il tuo portafoglio a un avatar da cartone animato che si muove all’interno del mondo digitale. Questi diventeranno oggetto di un'intensificarsi della concorrenza man mano che più spese si spostano online. Le grandi aziende tecnologiche potrebbero imporre enormi tasse su queste mini economie: immagina l'App Store di Apple che addebita le commissioni o Facebook che vende le informazioni del tuo avatar. Un'alternativa migliore potrebbero essere reti decentralizzate che ospitano applicazioni e vengono gestite reciprocamente dagli utenti. DeFi potrebbe fornire pagamenti e diritti di proprietà.

Gli appassionati di criptovalute vedono un'utopia. Ma c'è ancora molta strada da fare prima che DeFi sia affidabile come, ad esempio, JPMorgan Chase o PayPal. Alcuni problemi sono prosaici. Una critica comune è che le piattaforme blockchain non si scalano facilmente e che i loro computer consumano una quantità enorme di elettricità. Ma Ethereum è una macchina per l'auto-miglioramento. Quando è molto richiesto, le commissioni addebitate per la verifica possono aumentare, incoraggiando gli sviluppatori a lavorare per ridurre al minimo l'intensità con cui lo utilizzano. Ci saranno nuove versioni di Ethereum; o altri blockchain migliori potrebbero un giorno sostituirlo.

Avventure in DeFi-land

Tuttavia, la DeFi solleva anche interrogativi su come un'economia virtuale con le proprie norme interagisce con il mondo reale. Una preoccupazione è la mancanza di un'ancora esterna di valore. Le criptovalute non sono diverse dal dollaro, in quanto si basano su persone che hanno un'aspettativa condivisa della loro utilità. Tuttavia, il denaro convenzionale è sostenuto anche dagli stati con il monopolio della forza e dalle banche centrali che prestano ultima istanza. Senza questi, DeFi sarà vulnerabile al panico. Anche l'applicazione dei contratti al di fuori del mondo virtuale è un problema. Un contratto blockchain può dire che possiedi una casa, ma solo la polizia può imporre uno sfratto.

La governance e la responsabilità in DeFi-land sono rudimentali. Una sequenza di grandi transazioni irrevocabili che gli esseri umani non possono ignorare potrebbe essere pericolosa, soprattutto perché gli errori di codifica sono inevitabili. Il riciclaggio di denaro ha prosperato nella zona grigia non governata dei servizi che si trova tra Ethereum e il sistema bancario. Nonostante le affermazioni sulla decentralizzazione, alcuni programmatori e proprietari di app esercitano un'influenza sproporzionata sul sistema DeFi. E un attore maligno potrebbe persino ottenere il controllo sulla maggior parte dei computer che gestiscono una blockchain.

I libertari digitali preferirebbero che la DeFi rimanesse autonoma, imperfetta ma pura. Tuttavia, per avere successo, deve integrarsi con i sistemi finanziari e legali convenzionali secondo Gary Gensler, esperto di criptovalute e attuale presidente della SEC. Molte applicazioni DeFi sono gestite da organizzazioni decentralizzate che votano su alcune questioni; questi organismi dovrebbero essere soggetti a leggi e regolamenti. La Bank for International Settlements, un club per le banche centrali, ha suggerito che i govcoin potrebbero essere utilizzati nelle app DeFi, fornendo stabilità.

La finanza sta entrando in una nuova era in cui le tre visioni nuove ma imperfette di piattaforme tecnologiche, grande governo e DeFi competeranno e si mescoleranno. Ognuno incarna un'architettura tecnica e un'ideologia su come dovrebbe essere gestita l'economia. Come per Internet negli anni '90, nessuno sa dove finirà la rivoluzione. Ma sta per trasformare il modo in cui funziona il denaro e, mentre lo fa, l'intero mondo digitale.

LA FINANZA DECENTRALIZZATA PUÒ PORRE LE BASI PER UN'ECONOMIA DIGITALE APERTA?

Un numero crescente di sviluppatori sta cercando di ricostruire sia il sistema finanziario che l'economia di Internet con le blockchain, e l'obiettivo finale è sostituire intermediari come banche globali e piattaforme tecnologiche con software costruiti su reti che indirizzano il valore che generano agli utenti che li possiedono e li gestiscono. Di tutte le attività digitali, gli sforzi per decentralizzare la finanza sono i più avanzati. Lontano dall'ambizione autocelebrativa di Wall Street, DeFi cerca invece un controllo crowdsourcing dal suono utopico. Le applicazioni e le funzioni non sono gestite da un'unica entità o società centralizzata, ma da "organizzazioni autonome decentralizzate" (DAOS) gestite dall'utente.

Parlare di blockchain, DAOS e metaversi suona così assolutamente sconcertante e inverosimile che potrebbe essere allettante rinunciare ad ascoltare la folla di DeFi. Il successo di questa tecnologia nascente è, infatti, tutt'altro che garantito. Ma pezzo per pezzo si sta costruendo un nuovo tipo di economia attraverso applicazioni su varie blockchain. Ogni aggiunta rende più probabile che l'insieme corrisponda a qualcosa di significativo e potentemente dirompente. Innovazioni, come market maker automatizzati, sistemi di arbitraggio e regimi valutari autostabilizzanti, stanno già spingendo i confini della tecnologia finanziaria.

Decentralizzazione: salvaguardare la concentrazione del potere

La promessa della DeFi è che potrebbe portare a un tipo migliore di finanza: un sistema più veloce, più economico, più trasparente e meno dipendente da potenti istituzioni centralizzate. Potrebbe anche sostenere un'economia digitale meno dominata da una manciata di giganti del tech. Ma ci sono un sacco di insidie, non ultima l'enorme quantità di speculazioni in atto nel mondo della DeFi e il rischio che venga colonizzato da denaro sporco o macchiato dal vasto consumo di energia delle blockchain.

L'opportunità della DeFi nasce perché la centralizzazione porta problemi. È vero, è più economico costruire un sistema di regolamento finanziario gestito da un'entità di cui tutti si fidano, come la Federal Reserve, piuttosto che ottenere un gruppo diffuso di individui per verificare le transazioni. Ma l'infrastruttura del governo si ossifica, le reti private possono tendere al monopolio, incoraggiando così comportamenti anticoncorrenziali.

L'adozione da parte della Fed di un sistema di pagamenti istantanei, ad esempio, è proceduta a un ritmo glaciale. Gli operatori di reti di carte come Mastercard e Visa realizzano margini di profitto lordi del 60-80%. I giganti della tecnologia possono esercitare il loro potere di mercato in modo anticoncorrenziale o in modi che i loro utenti non amano. Apple ha cambiato il modo in cui la sua piattaforma ha lavorato con terze parti per impedire il monitoraggio degli utenti di Facebook; Facebook stesso modifica i suoi algoritmi di distribuzione dei contenuti a suo piacimento; YouTube "demonetizza" i creatori di contenuti per capricci. Ciascuno prende la parte del leone dei profitti associati alle proprie reti. La decentralizzazione offre un'alternativa: sistemi interoperabili, trasparenti, spesso efficienti che, distribuendo il controllo sul software, prevengono la concentrazione del potere.

Crypto rappresenta un cambiamento architettonico nel modo in cui funziona la tecnologia e quindi nel modo in cui funziona il mondo, e quel cambiamento è il consenso distribuito - la capacità di molti partecipanti "decentralizzati" in una rete di stabilire fiducia. Il suo potenziale per facilitare più dei pagamenti è diventato più chiaro con la creazione della blockchain di Ethereum e la capacità di costruire smart contracts, accordi auto-eseguiti in cui una catena di azioni viene automaticamente applicata quando vengono soddisfatte determinate condizioni (che non possono essere manomesse).

La blockchain di Ethereum e altre progettate per memorizzare righe di codice, come Cardano, emettono e utilizzano i propri token (chiamati rispettivamente "ether" e "ADA"). Per verificare una transazione sulla blockchain di Ethereum devi pagare un canone variabile “gas”, dovuto in ether. Il vantaggio di utilizzare una blockchain è che è come un nuovo tipo di computer. Un computer fisico è un modo per archiviare dati ed elaborarli con una serie di istruzioni, chiamate programma. Anche la blockchain di Ethereum è un modo per archiviare dati e operare su di essi, come un computer virtuale che funziona su una rete di computer fisici.

Ogni computer, al di fuori di una blockchain, è controllato da una persona o un'organizzazione che può cambiare idea. Questo a volte è vero a livello fisico: Apple, in molti modi, mantiene un ampio controllo sui dispositivi che vende attraverso la sua capacità di inviare aggiornamenti software (il modo in cui ha neutralizzato i tracker di Facebook). Ancora più importante, questo vale per tutte le pagine Web e le applicazioni. Ogni volta che qualcuno accede a Facebook, ad esempio, si affida ai server che l'azienda gestisce per ospitare il suo sito web. Controllando l'hardware, le aziende possono modificare il software a loro piacimento. Su una blockchain, però, questo rapporto è invertito: il software governa l'hardware e può dare garanzie.

Una volta poste le basi decentralizzate per archiviare ed eseguire righe di codice, tutto può essere costruito sopra, ad esempio risorse o applicazioni. L'unico limite è l'immaginazione dello sviluppatore. Esistono tutti i tipi di "token" o rappresentazioni digitali di risorse. Alcuni assomigliano a blocchi finanziari, come azioni, obbligazioni e "monete stabili", che sono tipicamente ancorate alle valute convenzionali. Altri sono token di governance, che funzionano come voti che determinano come vengono eseguiti DAOS. E i token "non fungibili" (NFTS) rappresentano risorse uniche, come un'immagine o un video. Il mercato per questi è cresciuto nell'ultimo anno: al momento esistono circa 23 miliardi di dollari di NFTS.

I token possono essere scambiati o prestati attraverso "protocolli", le regole che regolano il modo in cui avvengono le transazioni. Questi a loro volta sono regolati da DAOS e possono essere modificati solo per consenso. Gli utenti possono quindi acquistare e scambiare token tramite un'interfaccia basata su browser Web che li collega ai protocolli.

Navigare nel metaverso DeFi

Per entrare nel mondo decentralizzato è necessario creare un portafoglio, che immagazzina i token. Un tipo di portafoglio è gestito da uno scambio centralizzato, come Coinbase. Un altro, come MetaMask, consente agli utenti di mantenere le proprie chiavi private. I sistemi centralizzati sono familiari: hanno nomi utente e password che possono essere reimpostati. Detengono anche token per conto degli utenti, rendendoli un bersaglio per gli attacchi. Gli operatori di cambio disonesti o incompetenti hanno perso o sono stati derubati dei beni dei clienti. Gli utenti di MetaMask o di un portafoglio simile, al contrario, hanno il pieno controllo delle proprie risorse. Ma se perdono la loro chiave, i loro token sono persi per sempre. MetaMask conta 10 milioni di utenti attivi, rispetto ai circa 600.000 di un anno fa.

La creazione di un portafoglio crea un'identità online unica, che consente di interagire con qualsiasi applicazione DeFi, inclusi metaversi come Decentraland. Questo a sua volta consente di depositare token per guadagnare interessi, scambiarli con altre monete o fare acquisti nei centri commerciali del metaverse. Anche nel mondo della DeFi si sta verificando una vera innovazione, che potrebbe migliorare la finanza del mondo reale. Spiccano tre esempi particolarmente impressionanti.

  • Scambi decentralizzati. Data la vulnerabilità degli scambi centralizzati agli attacchi e ai furti, gli sviluppatori hanno iniziato a costruire alternative su una blockchain. Piuttosto che depositare risorse per Coinbase da negoziare per tuo conto, l'esecuzione viene invece effettuata tramite smart contracts. Entrambi i lati del commercio vengono eseguiti in una transazione indivisibile. Ciò elimina la necessità di intermediari come i servizi di deposito a garanzia e le camere di compensazione della controparte centrale. UniSwap, uno dei più grandi scambi decentralizzati con volumi di circa $ 1 miliardo ogni giorno, è particolarmente popolare per lo scambio di token basati su Ethereum.

  • Emissione di una stablecoin affidabile. I beni stabili sono utili: i token ancorati al dollaro o ad altre valute facilitano le transazioni tra altri token e forniscono la base per i contratti finanziari. Le prime soluzioni si basavano su un controllo centralizzato, il che rende difficile sapere con certezza che siano completamente collateralizzate. Le due più grandi monete stabili, Tether e USDCoin, hanno emesso insieme circa $100 miliardi di token. La garanzia per questi, un mix di contanti e debito aziendale a breve termine, non è detenuta su una blockchain, ma in conti bancari o di intermediazione. Entrambe le aziende decidono come sostenere le proprie stablecoin e quando pubblicare i propri account. A marzo di quest’anno il procuratore generale di New York ha scoperto che Tether non era completamente garantito per periodi nel 2017 e nel 2018, e lo ha multato di 18,5 milioni di dollari, sebbene Tether abbia negato di aver commesso illeciti.
    Uno dei metodi per sapere con certezza che una stablecoin è completamente supportata è mantenere la garanzia su una blockchain aperta, che è trasparente, e conservarla in uno smart contract. Il problema è che il collaterale deve essere detenuto in un asset nativo ad una determinata blockchain, come Bitcoin o ether, che fluttua ampiamente. C'è, tuttavia, una soluzione migliore. La più grande stablecoin "on-chain" è dai, gestita da Makerdao. Chiunque può creare nuovi token dai, a patto che blocchino abbastanza garanzie, di solito in ether, in uno smart contract.
    Poiché ether è volatile, il protocollo richiede agli utenti di sovragarantire i token che creano. Se il valore della garanzia di un utente scende al di sotto del 150% del valore del dai in sospeso, lo smart contract mette automaticamente all'asta la garanzia per cancellare il debito in dai. Per recuperare la garanzia bisogna restituire il dai, più una piccola commissione “stabilità” variabile (pagata in dai) che tende a salire con la volatilità della garanzia.
    Dai è notevolmente stabile rispetto al dollaro. Solo una volta, quando Ethereum è sceso bruscamente nel 2020, il peg si è rotto con dai che è sceso di circa il 10% in 12 ore. Ciò si è verificato in parte perché gli sviluppatori avevano fissato una commissione di stabilità massima nel protocollo. Per ricostituire i fondi e ripristinare il peg sono stati emessi nuovi token di governance, diluendo gli attuali proprietari. Il problema della codifica è stato risolto nei mesi successivi con il consenso di coloro che detenevano i token di governance. Nel 2021, quando l'ether è sceso di nuovo, dai è rimasto stabile. Attualmente esistono circa $6,5 miliardi di dai.

  • Protocolli di prestito. Poiché gli utenti possono rimanere sconosciuti, per prendere in prestito devono prima depositare alcuni token per garanzia, come dai. Gli utenti possono quindi prendere in prestito contro tale garanzia in un token diverso. Ma gli sviluppatori hanno escogitato un modo per evitare tali depositi per "prestiti flash", che vengono immediatamente emessi e regolati. Le transazioni su blockchain vengono finalizzate solo quando un nuovo pacchetto di transazioni, chiamato blocco, viene accettato dalla rete. L'aggiunta di blocchi richiede tempo, circa dieci minuti su Bitcoin e 13 secondi su Ethereum. Per un prestito flash su Ethereum un mutuatario richiede e rimborsa i fondi, più una commissione dello 0,09%, all'interno dello stesso blocco. Se il mutuatario non riesce a rimborsare, l'intera transazione viene annullata, in modo che nessun fondo sia mai stato preso in prestito: il mutuante non corre alcun rischio. Questi prestiti sono principalmente utilizzati per opportunità di arbitraggio tra piattaforme di token trading. Due dei più grandi protocolli di prestito sulla blockchain di Ethereum che offrono prestiti flash sono Aave e Compound: hanno prestato rispettivamente $16 e $11 miliardi in token.

Tutti questi servizi sono soluzioni efficienti e creative ai problemi finanziari. Gli scambi automatizzati, come quelli creati tramite UniSwap, e i prestiti flash, che rendono possibile l'arbitraggio senza soluzione di continuità, migliorano l'efficienza del sistema finanziario. Gli stabilizzatori automatici integrati in DAI sono una soluzione intelligente per un problema difficile. E i DAOS sono esperimenti affascinanti nella governance democratica di entità che sovrintendono a miliardi di dollari nel commercio e nel prestito. Il problema è che, finora, vengono tutti utilizzati per facilitare un casinò incorporeo. La maggior parte di queste applicazioni viene utilizzata per speculare su token instabili, inclusi bitcoin ed ether.

COSA HA IN SERBO IL FUTURO

Se la DeFi vuole andare oltre la speculazione, uno di due scenari deve realizzarsi. Il primo è l'espansione nei regni della finanza convenzionale. Gran parte dell'energia in DeFi viene spesa per abilitare la finanza in un universo "a catena". Ma per essere utile per la finanza quotidiana, ad esempio un prestito ipotecario, la DeFi dovrebbe stare a cavallo tra il mondo virtuale e quello reale.

NFTS, ad esempio, potrebbero diventare più ampiamente utilizzati. Oggi sono crediti esigibili digitali, ma in teoria potrebbero rappresentare rivendicazioni di proprietà sulle case. La creazione del mutuo potrebbe quindi essere racchiusa in un unico ed efficiente pacchetto: il venditore scambierebbe il proprio NFT "Villetta Rossa, Cortina d'Ampezzo" con l'acquirente, che lo depositerebbe su una piattaforma di prestito garantito automatizzato come Aave o Compound. L'acquirente riceverà in cambio dei token, che verranno automaticamente trasferiti al venditore. Per detenere nuovamente l'NFT, l'acquirente dovrebbe, nel tempo, depositare abbastanza stablecoin sulla piattaforma per estinguere il prestito.

Poiché i token possono essere rappresentazioni digitali di quasi tutto, potrebbero essere soluzioni efficienti a tutti i tipi di problemi finanziari. I conti di deposito presso le banche possono essere costosi; il sistema di regolamento delle azioni è lento. Al contrario, le transazioni con stablecoin vengono saldate quasi istantaneamente e comportano commissioni basse o nulle. Affinché DeFi sia la risposta ai problemi del mondo reale, tuttavia, il sistema legale deve imporre risultati on-chain nel mondo "off-chain" e la regolamentazione deve proteggersi da frodi e abusi.

In genere è difficile convertire denaro convenzionale in token senza controlli di identificazione. La maggior parte dei servizi che scambiano dollari in ether o Bitcoin, come Coinbase, effettuano controlli "conosci il tuo cliente", destinati a scoraggiare il riciclaggio di denaro. Tuttavia, il fatto che una volta nel mondo on-chain chiunque possa facilmente spostare i token ha sollevato timori legittimi sui modi in cui la DeFi verrà sfruttata dai criminali per riciclare e spostare denaro sporco.

I regolatori vogliono che gli intermediari finanziari siano alla ricerca di transazioni sospette, ma DeFi rifiuta questo ruolo. Il tentativo di includere una disposizione vaga ma apparentemente modesta per regolamentare il settore in una legge sulle infrastrutture negli USA, ad esempio, è stato accolto con urla di indignazione da parte della folla della DeFi. La feroce resistenza alla regolamentazione alimenta solo la percezione che non sia nulla di buono, e potrebbe rafforzare il desiderio dei regolatori di reprimere i flussi nel mondo on-chain.

Se la DeFi non si fonde con la finanza off-chain, potrebbe invece prosperare in un mondo distinto costruito su blockchain. Gli scrittori di fantascienza hanno esplorato a lungo l'idea che le persone un giorno vivranno la loro vita, facendo shopping o visitando uffici virtuali, in metaversi online come Decentraland. Il mondo virtuale parallelo potrebbe anche svilupparsi se le piattaforme tecnologiche centralizzate venissero soppiantate da rivali decentralizzati.

Ready Player One: edizione libertaria

Immagina, ad esempio, una piattaforma rivale di YouTube che assegna agli utenti vari tipi di token: quelli che fungono da compenso per il caricamento di video e possono essere ridimensionati per riflettere quanto siano popolari i caricamenti, per attirare i creatori di contenuti; o token di governance, per determinare come viene eseguita la piattaforma. Se la piattaforma prendesse piede, questi token potrebbero aumentare di valore, premiando i primi utenti e attirando nuovi utenti. Questo tipo di modello è reso possibile perché le blockchain mantengono le organizzazioni alle loro promesse su come funzionerebbe la loro piattaforma.

Potresti continuare a immaginare nuovi modelli per tutti i tipi di industrie. Una volta che un artista vende un'opera, non ha alcun interesse nel suo valore. Se in seguito guadagna popolarità, i guadagni vanno tutti all'acquirente. Se vendesse un'immagine NFT, potrebbe mantenere una quota nelle vendite future di quell'opera, codificando nello smart contract che riceverà, ad esempio, il 10% di qualsiasi valore di transazione. Sarebbe stato troppo costoso da applicare senza uno smart contract su una blockchain trasparente.

Particolarmente degno di nota è il caso di Socios.com, la più grande app al mondo basata su blockchain che non sia uno scambio. Fornisce a milioni di appassionati di sport la possibilità di connettersi con le loro organizzazioni sportive preferite tramite i Fan Token, risorse digitali fungibili coniate sulla blockchain di Chiliz. Ufficialmente designati come token di utilità, i Fan Token possono essere utilizzati dai fan per accedere ai diritti di voto nei sondaggi, premi VIP, promozioni esclusive e funzionalità abilitate per AR. Se questa attività esplode, il sistema finanziario che la sostiene diventerà critico.

Questo non vuol dire che la decentralizzazione sia sempre la risposta. “La domanda da porsi è: perché non posso semplicemente utilizzare un database centralizzato? È molto più semplice e veloce di un sistema decentralizzato", afferma Dan Boneh della Stanford University. Ma per alcuni problemi la decentralizzazione è la strada da percorrere. "Se non esiste un unico partito di cui tutti si fidano, allora la decentralizzazione è una buona opzione”. Ma, ammette, "il risultato è una maggiore complessità".

Il problema più grande è che la verifica per consenso può rallentare i sistemi. Sia Bitcoin che Ethereum utilizzano un processo chiamato "prova di lavoro" per verificare le transazioni, che possono consumare grandi quantità di energia. L'incentivo a diventare più efficienti può auto-rafforzarsi. Con l'aumento dell'utilizzo di DeFi, aumenta anche la domanda di verifica da parte della blockchain, provocando un aumento delle tariffe del gas. Ciò ha portato gli sviluppatori a perseguire cose come i "roll-up", che raggruppano le transazioni e verificano il bundle tramite la blockchain, riducendo la domanda e quindi l'energia necessaria per verificare le transazioni.

Con tali soluzioni alternative ancora in fase di sviluppo e tentativi di creare piattaforme nella loro infanzia, è speculativo pensare che la decentralizzazione decollerà. I problemi della DeFi, non solo l'intensità energetica delle blockchain, ma la speculazione dilagante, la possibilità di essere inondati di denaro sporco e l'apparente resistenza alla regolamentazione, sono tutti elementi che scoraggiano l'adozione di massa. Tuttavia, i potenziali vantaggi derivanti dalle piattaforme di pagamento e di contenuti digitali possedute e governate dai loro utenti, un'economia digitale più aperta e un sistema finanziario più efficiente sono vasti. La speranza è che non sia tutto solo un sogno.

Share

Share Mimir's Well